3 giugno 2022
Non solo le esigenze dei figli ma anche patrimonio, reddito e capacità di lavoro del genitore determinano l'assegno di mantenimento

Il principio di proporzionalità impone di considerare le esigenze del minore ed il tenore di vita da lui goduto, i tempi di permanenza presso il padre o la madre ed i compiti di cura da ciascuno assunti nonché le facoltà economiche di entrambi i genitori.

La Redazione
Una madre proponeva reclamo avverso la decisione del Tribunale, che aveva disposto a carico del padre un contributo al mantenimento dei loro figli di complessivi 400 euro mensili, ritenendo insufficiente la somma stabilita e chiedendone l'incremento, data la comparazione della situazione reddituale delle parti e le esigenze dei minori. La Corte d'Appello respingeva la...