17 settembre 2021
La conflittualità tra genitori non è sufficiente per escludere l’affido condiviso

Il diritto del minore alla bigenitorialità, intesa quale presenza comune dei genitori nella vita dei figli, è l'interesse superiore a cui devono tendere le decisioni dei giudici e la mera conflittualità tra genitori, relativa tra l'altro a scelte non fondamentali nella vita del figlio, non è sufficiente a disporre l'affidamento del minore stesso ai Servizi Sociali. Questo il principio affermato dalla Suprema Corte nella sentenza n. 24637 pubblicata il 13 settembre 2021.

di Avv. Alice Di Lallo
Il caso

ilcaso

La Corte d'Appello di Roma, decidendo sul reclamo principale materno e su quello incidentale paterno rispetto al decreto del Tribunale ordinario, disponeva l'affidamento del figlio minore ai Servizi Sociali sulla base dei seguenti elementi a) entrambi i genitori non erano...

Il diritto

ildiritto

L'art. 337-ter c.c., in materia di provvedimenti riguardanti i figli, prevede la...

La lente dell'autore

lenteautore

In caso di separazione dei genitori, l'affido condiviso, introdotto nel nostro ordinamento con la...