21 febbraio 2022
L'amministratore è legittimato ad agire senza alcuna autorizzazione quando si tratti di riscuotere le quote dai condomini inadempienti

Rientra tra le competenze dell'amministratore, con conseguente sua legittimazione processuale, quella relativa alla riscossione degli oneri condominiali poiché nei limiti delle attribuzioni stabilite dall'articolo 1130 c.c. l'amministratore ha la rappresentanza dei partecipanti e può agire in giudizio sia contro i condòmini sia contro i terzi.

di Avv. e Giornalista pubblicista Maurizio Tarantino
Il caso

ilcaso

Il Condominio richiedeva al Giudice di Pace l'emissione di un decreto ingiuntivo nei confronti di Poste Italiane per il pagamento, per l'unità immobiliare facente parte del Condominio istante, degli oneri condominiali. Si trattava di quote previste dai bilanci, con i relativi piani di riparto,...

Il diritto

ildiritto

Secondo il Tribunale doveva ritenersi infondata, e comunque superata, l'eccezione sollevata dall'appellato (Poste) in ordine al difetto di legittimazione processuale del...

La lente dell'autore

lenteautore

In argomento è chiaro in giurisprudenza che l'amministratore è legittimato ad agire (e a resistere) in...