3 agosto 2022
La nascita o la cittadinanza del minore sono insufficienti per la determinazione della sua residenza abituale
La determinazione della residenza abituale di un minore in un dato Stato membro richiede che il minore interessato sia stato fisicamente presente in questo Stato membro, senza che tale presenza possa essere qualificata in alcun modo temporanea od occasionale ma, anzi, deve denotare una certa integrazione del minore di cui trattasi in un ambiente sociale e familiare.
di Ricercatore presso l’Università di Palermo Ivan Libero Nocera
Il caso

ilcaso

La Corte di Giustizia si concentra su una peculiare fattispecie riguardante l'interpretazione del Regolamento n. 2201/2003 relativo alla competenza, al riconoscimento e all'esecuzione delle decisioni in materia matrimoniale e in materia di responsabilità genitoriale e del...

Il diritto

ildiritto

Il provvedimento si impernia sull'interpretazione del concetto di “residenza abituale” cui l'art. 3 del Regolamento n. 2201/2003 collega la...

La lente dell'autore

lenteautore

Il provvedimento della Corte di Giustizia si apprezza particolarmente per il tentativo di sostanziare di...