27 gennaio 2022
L’associazione professionale di avvocati può richiedere giudizialmente il compenso per la prestazione erogata dal professionista associato
La Corte di Cassazione conferma che l'associazione fra professionisti, essendo un centro autonomo di imputazione di interessi, può agire in giudizio al fine di richiedere il compenso per l'attività prestata dal singolo professionista associato qualora tale facoltà sia prevista nell'atto costitutivo ai sensi dell'art. 36 codice civile.
di Avv. Alessandro Villa
Il caso

ilcaso

Nel caso in esame l'associazione professionale di avvocati aveva citato in giudizio, con ricorso ex art. 702-bis codice di rito, un cliente di un professionista facente parte dell'associazione al fine di ottenere il compenso per l'attività prestata. Si era...

Il diritto

ildiritto

Motivo che è stato ritenuto fondato dal Supremo Collegio. L'ordinanza impugnata argomenta che l'incarico «è stato conferito all'avvocato senza...

La lente dell'autore

lenteautore

La Corte di Cassazione ribadisce, ancora una volta, che l'associazione professionale può agire in...